Giuseppe Schinaia

Ha iniziato a Roma lo studio del pianoforte con Robert Kettelson e Umberto De Margheriti e lo studio della teoria musicale e dell’armonia con il direttore d’orchestra Roberto Cagiano. Successivamente ha proseguito gli studi di composizione presso il Conservatorio di Musica S. Cecilia in Roma con Nazario C. Bellandi e quelli di pianoforte con Lya De Barberiis. Contemporaneamente ha iniziato ad occuparsi di musica antica e di antichi strumenti a tastiera, studiando organo e clavicembalo e animando negli anni ’80 uno dei primi gruppi romani di musica antica. Ha frequentato corsi di specializzazione con Claudia Ferrero, Bob van Asperen, Pierre Hantaï, Antonio Frigè e Christophe Rousset., con particolare attenzione al repertorio cembalistico francese e tedesco.

Più recentemente ha fondato l’associazione di musica antica Harmonia Musicae che, con varie formazioni, si dedica all’esecuzione di musiche del periodo barocco, prediligendo il repertorio vocale seicentesco e, come direttore artistico, Giuseppe Schinaia ha curato le rassegne musicali internazionali TREBANTIQUA – Musica antica nell’alta valle dell’Aniene, a Trevi nel Lazio (FR) e Barocc’a Primavera in varie località laziali.
Recenti apparizioni includono concerti solistici e in ensemble negli Stati Uniti, in Europa e in Italia. In qualità di teorico e musicologo svolge attività di ricerca ed analisi musicale, ha curato edizioni critiche per Armelin Musica e Musedita ed ha registrato per la Tactus. Giuseppe Schinaia è docente di statistica presso La Sapienza, Università di Roma e, per i suoi meriti artistici e scientifici, è stato inserito nel 2001 nell’annuario internazionale Who’sWho® in the World.

I commenti sono chiusi.